Il Mistero del Mausoleo Qin Shi Huang

FOCUS ON: Curiosity and News from China – 
The Mystery of the Qin Shi Huang Mausoleum

Sepolto in profondità vicino a Xi’an, sotto una collina che le è stata costruita sopra e circondato da un fossato sotterraneo riempito da mercurio velenoso (a quell’epoca si pensava potesse donare l’immortalità), si trovano i resti del primo imperatore cinese, indisturbati da oltre due millenni: Qin Shi Huang morì il 10 settembre del 210 avanti Cristo.

Il complesso tombale è una vera e propria città fatta di caverne sotterranee che contengono ogni bene che l’imperatore pensava di aver bisogno nell’aldilà: la parte più famosa è costituita dall’esercito di terracotta, riproduzione dell’esercito che consentì a Huang di conquistare tutta la Cina, scoperto per caso nel 1974.
 
L’edificio centrale contenente il corpo di Qin Shi Huang è ancora completamente chiuso: da antiche testimonianze sappiamo che l’imperatore fece realizzare un intero regno sotterraneo, con il soffitto che imita il cielo notturno con perle che raffigurano le stelle.
 
Gli scavi non sono mai stati autorizzati dal governo cinese, poiché si attende, saggiamente, di essere sicuri di avere a disposizione le tecnologie necessarie per non rischiare di danneggiare i reperti.
 
Il fossato di mercurio è un ulteriore deterrente agli scavi archeologici perché potenzialmente pericoloso: nel terreno della collina sono stati riscontrati livelli di mercurio superiori di 8 volte rispetto alle zone limitrofe e sono ancora incerte le conseguenze nell’aprire il luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.