Gli ultimi giorni del 12° mese lunare cinese

IL 23° GIORNO DEL 12° MESE LUNARE

Questo giorno, comunemente noto come xiaonian, è l’occasione principale per adorare il Dio della Cucina.

La leggenda vuole che in questo giorno il Dio della Cucina riporta tutti gli affari terreni all’Imperatore di Giada, la più alta divinità nel pantheon cinese. Per questo motivo la gente mette caramelle e frutta davanti alla statua del Dio della Cucina; poi, mettendo del miele sulla sua bocca, la gente spera che possa portare loro fortuna.

Questo è anche un giorno per mangiare jiaozi (ravioli) e Zaotang (un tipo di zucchero d’orzo utilizzato nell’adorazione del Dio della Cucina), che è dolce e croccante.


IL 24° GIORNO DEL 12° MESE LUNARE

Sin dai tempi antichi, i cinesi hanno osservato l’abitudine di pulire le loro case il 24 ° giorno del 12° mese lunare.

In cinese, il carattere “Chen” (letteralmente “polvere”) ha lo stesso tono e pronuncia come il termine “vecchio”. Quindi, spolverare significa simbolicamente spazzare via il vecchio e tutto ciò che questo comporta, e inaugurare il nuovo. In questo giorno, ogni famiglia pulisce mobili, biancheria da letto e utensili, spazza via ragnatele e bonifica fossi e canali.


IL 27° GIORNO DEL 12° MESE LUNARE

In questo momento, vengono preparati i piatti per il nuovo anno lunare. I nativi di Pechino cucinano galli, e altri tipi di carne, si lavano e si cambiano i vestiti come a volersi liberare del vecchio e dello sporco.

Infatti, si dice che fare il bagno in questo giorno aiuta a rimuovere qualsiasi sfortuna o malattia presa nel corso dell’anno, esprimendo il desiderio di salute e felicità future.


IL 28° GIORNO DEL 12° MESE LUNARE

In questo giorno e durante il successivo, i nativi Pechino cuciono a vapore sufficienti fagottini per sfamare tutta la famiglia per circa una settimana. Questi fagottini sono chiamati genianchi (da mangiare l’anno successivo), e sono decorati da punti rossi, simboli di buona fortuna.

Durante il Festival di Primavera, i metodi di cottura come il vapore, la frittura e la cottura in forno sono generalmente evitati, poichè “vapore” ha la stessa pronuncia di “controversia”, “frittura” di “lite” e “esplodere”, mentre “cuocere” è simile a “cadere”. Per quanto riguarda i pechinesi, essi si astengono dall’utilizzare il fuoco per cucinare dal primo al quinto giorno del primo mese lunare.